Toixland

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

L'inno del corpo sciolto

E-mail Stampa PDF

Filosoficamente parlando, pare che il cacare sia un gesto riconducibile alla vita mentre il mangiare alla morte. Ecco quindi un inno alla vita del nostro amato Roberto Benigni.

 

E questo è l'inno del corpo sciolto
lo può cantare solo chi caca di molto
se vi stupite la reazione è strana
perchè cacare soprattutto è cosa umana.

Noi ci svegliamo e dalla mattina
il corpo sogna sulla latrina
le membra posano nel mezzo dell'orto
e questo è l'inno, l'inno sì, del corpo sciolto.

Ci hanno detto vili, brutti e schifosi
ma son soltanto degli stitici invidiosi
ma il corpo è lieto, lo sguardo è puro
noi siamo quelli che ha cacato di sicuro.

Pulirsi il culo dà gioie infinite
con foglie di zucca, di bietola o di vite
quindi cacate perché è dimostrato
ci si pulisce il culo dopo aver cacato.

Evviva i cessi, sian benedetti
evviva i bagni, le toilette e i gabinetti
evviva i campi da concimare
viva la merda e chi ha voglia di cacare.

Il bello nostro è che ci si incazza parecchio
ci si calma solo dopo averne fatta un secchio
la vogliam reggere per una stagione
e con la merda far poi la rivoluzione.

Pieni di merda andremo a lavorare
poi tutto a un tratto si fa quello che ci pare
e chi ci dice fai questo o quello
gli cachiamo addosso e lo riempiam fino al cervello.

Cacone, merdone, stronzone, puzzone
la merda che mi scappa si spappa su di te!!!



Ultimo aggiornamento Mercoledì 18 Aprile 2012 16:04  

Statistiche

Tot. visite contenuti : 384477